La televisione che non sposta voti e le pernacchie liberatorie

Un gruppo di giovini italiani che si fa infinocchiare (ma allegramente) dalla televisione. La signora a destra cerca di difendersi dalla malìa leggendo le offerte speciali dell'Auchan.

Ancora una volta, come se ce ne fosse ancora bisogno, abbiamo la dimostrazione dell’importanza della televisione per il controllo del paese.

Come condizione essenziale, anzi come premessa per il controllo del paese, bisogna controllare la televisione.
Il dominio incontrastato nella televisione privata con la corazzata Mediaset, deve essere complementato con il dominio totale sulla televisione pubblica.

Ogni spazio televisivo che proponga contenuti discordanti con la visione favolistica e sognante dell’Italia deve essere soppresso.

Ogni trasmissione di approfondimento in cui si faccia vedere lo stato reale del paese, e che rischia di smontare il castello di carta di bugie che sono propinate ogni singolo giorno dai telegiornali e dalle altre trasmissioni è considerata pericolosa ed inammissibile.

Ogni elencazione di cifre che faccia vedere quanto a fosso stiamo andando con la crisi deve essere bandita.
Altrimenti magari qualcuno degli operai in cassa integrazione si sveglierà dal coma e fra un po’ capirà che non ci sono più i soldi per farla continuare e che non è stato fatto NIENTE, NIENTE per supportare il suo lavoro e l’economia in questo paese.
Così poi magari ci pensa bene a votare gentaglia del genere.

Altrimenti poi uno capisce che gli imprenditori qui in Veneto si suicidano perché nessuno nel governo ha fatto uno straccio di provvedimento in aiuto delle piccole e medie imprese e semplicemente non c’è futuro per molte di loro. Il famoso Nord Est, bacino elettorale berlusconiano. Guardate come siamo ridotti. E nel frattempo gli evasori scudati brindano e la cricca dei grandi imprenditori delle costruzioni affogano nell’oro delle commesse. Per loro i soldi non mancano mai.

Come nel ’92, quando il sistema paese è in crisi, allora la gente si incazza, perché non arriva più a fine mese e non ha più da mangiare. E quando non si mangia, come ben racconta Manzoni, la gente ha la tentazione di passare alle forche. O alle monetine tirate addosso ai politici.
E questo Berlusconi lo ha capito. Ha capito che siccome la crisi in Italia continuerà, lui ed i suoi incapaci parlamentari rischiano tutto questa volta.

Per questo gli serve il controllo totale delle televisioni. Per cercare di addormentare ancora per qualche anno chi in questa crisi se la sta cavando e non far capire invece a chi è nella merda fino al collo, che è suo sacrosanto diritto incazzarsi, protestare e volere qualcosa di meglio. Volere un’Italia con un governo che si dedichi a risolvere i problemi dei cittadini e guidarci ad un’Italia migliore. Non a sprecare tutto il tempo ad impedire al proprio Presidente del Consiglio e Ministri al seguito di finire in galera mentre il paese va a rotoli.

Il centro sinistra è pronto per tutto ciò? Non è detto. Tendenzialmente non ne sono sicuro.
Ma di sicuro, l’Italia a cui dovremmo tutti aspirare non verrà mai da questa banda di sciacalli che inopinatamente si fa chiamare “centro-destra”.

La verità è che l’Italia è in questa condizione solo per le televisioni e per il rimbecillimento totale degli Italiani, succubi della figura di Berlusconi.

Se Berlusconi non avesse avuto Mediaset, il suo peso elettorale nel ’94 sarebbe stato pari a quello di Giorgio Panto (pace all’anima sua).
Ed ho detto tutto.

Quindi, per non essere “cornuti e mazziati”, da questo momento siamo per lo meno autorizzati a prendere a pernacchie chiunque in passato o addirittura oggi si permette ancora di dire che la televisione in Italia non sposta voti.
Tipo Pierluigi Battista, il vicedirettore del Corriere della Sera che aveva preso il posto de “Il Fatto” di Enzo Biagi con l’ottimo “Batti e ribatti”.
Prendi il posto del più grande giornalista italiano, epurato perché mostrava in televisione episodi di vita quotidiana VERA, e non si permetteva di guardare in faccia a nessuno, e tu ti permetti di sostenere che la televisione non sposta voti?

Facciamolo tutti. Pernacchie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: