VV01: lancio di qualifica di Vega

Dopo anni di attesa, finalmente il giorno è arrivato: 13 Febbraio 2012, il giorno del qualification flight di Vega, il nuovo lanciatore europeo, fortemente voluto dall’Italia.
L’Italia è il maggior contribuente, per circa il 65% del budget del progetto.

Dopo essere stato osteggiato per anni dai francesi, che non volevano che un’altra nazione in Europa acquisisse la competenza per produrre lanciatori, siamo finalmente arrivati al giorno della qualifica.
Oggi, con il volo inagurale si doveva qualificare l’intero sistema di lancio: il lanciatore, il sistema di rilascio dei payload, le tracking station del segmento di terra.

Stamattina ho guardato tutta la diretta del lancio.
E’ stato davvero molto emozionante.

Al contrario di altri lanciatori più pesanti, Vega ha lasciato la launch tower come una freccia, giusto qualche istante dopo l’accensione del motore P80 del primo stadio.

Ho seguito con trepidazione tutte le milestone di lancio, fino alla separazione del payload principale, e degli altri 8 payload.

Uno di questi è ALMAsat-1, un piccolo satellite costruito dall’Università di Bologna.
Mi si dice che verso le 15:30 è stato acquisito il segnale del satellite.

Insomma, una giornata molto bella.
Visto il risultato all’apparenza perfetto, scompaiono per un momento tutte le incazzature di questi anni e ci si compiace che ora tutti vogliano salire sul carro del vincitore.

Per un resoconto un po’ più dettagliato, si può leggere qui.

Per finire, una menzione d’onore va anche all’Ungheria, Polonia e Romania.
Vega ha portato in orbita anche 7 Cubesat (dei microsatelliti di 10cm x 10cm x 10cm pesanti poco più di 1 kg.), tre dei quali sono stati costruiti da Università di quelle nazioni.

Quello che è straordinario è che quei satelliti sono i primi costruiti da ognuna di quelle nazioni. E sono stati realizzati da degli studenti e ricercatori di Università.

E’ bellissimo constatare cosa succede quando si vuole credere nella ricerca e nel potenziale di coloro che si dedicano anima e corpo alla loro passione.

Annunci

One last time

Il rientro in atmosfera dello Space Shuttle Atlantis che conclude la missione STS-135.

L’ultima volta nella storia.

Rientro in atmosfera dello Space Shuttle Atlantis, visto dalla International Space Station

STS-135: l’ultimo lancio di uno Space Shuttle

8 Luglio 2011: con il lancio di oggi di Atlantis si chiude un’era dell’esplorazione spaziale.

L’ultimo lancio di uno Space Shuttle.

In un momento così incerto per le future missioni spaziali (vedi ridimensionamento di ExoMars, probabile cancellazione di James Webb Space Telescope, grandi problemi per LISA e EJSM/Laplace), se ne va per sempre anche uno dei simboli più evocativi (dopo il Saturn V) di cosa è l’esplorazione spaziale.

STS-132 – L’ultimo lancio dello Space Shuttle Atlantis

14 Maggio 2010.
L’ultimo lancio dello Space Shuttle Atlantis, prima del suo ritiro.

La fine di un’era per l’esplorazione spaziale è appena iniziata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: