Parole parole parole…

Le pregiudiziali di costituzionalità presentate contro il decreto “salva-liste” non passano a causa del massiccio e *determinante* assenteismo dell’Udc.

Pierferdinando Casini, quello che non scende in piazza perché contrario alla sua cultura, dimostra ancora una volta quanto siano bravi i politici a parlare.
Quando si tratta poi dei fatti, il risultato è questo qui.

Annunci

Italia amore mio (la lala lala…)

Sanremo. Definitivamente fuori Toto Cutugno, Nino D’Angelo, ed i Sonohra.

Ripescato invece il nuovo inno dell’UDC.

Fortunatamente anche stasera ho un impegno.

Finalmente buone notizie dal PD /2

Proseguono le defezioni dal Partito Democratico, e finalmente, dopo anni ed anni di tormentate indecisioni, Paola Binetti se ne va per approdare all’UDC.
Dove evidentemente si troverà bene ad esprimere le proprie idee cattoliche fianco a fianco con Cuffaro.

Binetti è stata prontamente accolta con amicizia e calore dal pregiudicato Enzo Carra, anche lui recente transfugo dal Partito Democratico.

Il tutto accompagnato da contrite dichiarazioni di un po’ di dirigenti del PD, e da una standing ovation della base.
Come dice Franco Monaco: “La domanda più appropriata non è perchè sia uscita ma perchè mai ci sia entrata, nel PD“.

Nonostante il mio noto disinteresse sostanziale per il Partito Democratico devo dire che sono molto contento, perché oggi è un ottimo giorno per tutto il centro-sinistra in generale.
Fuori l’Opus Dei dal centro-sinistra.

Abolite le provincie! O forse no

Oggi arrivano a dibattimento alla Camera due proposte di legge costituzionale di Italia dei Valori ed Udc che prevedono l’abolizione delle Provincie.

Scontatamente, la I Commissione Affari Costituzionali ha dato parere contrario alla legge con i voti di PdL, Lega e parte del PD.

Vediamo che dirà l’aula e quali illuminanti scuse affosseranno l’abolizione delle Provincie con cui tutti si sono riempiti la bocca in campagna elettorale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: