Adesso non va più bene che il processo sia “breve”

Per quanto riguarda il processo Mills in cui Berlusconi è accusato di corruzione, per Ghedini «il pm ha una fretta frenetica».

Eh.. caro Ghedini, è proprio questo il concetto di processo breve, che si cerca di celebrare con efficienza per raggiungere una sentenza.

Non il vostro “processo breve” ovvero la fine del processo perché non si è fatto in tempo a concluderlo entro 2 anni.

Il mio 30 gennaio nell’altro universo

Esiste almeno un universo in cui io non ho scelto la strada che sto attualmente percorrendo, ma chissà con quali parapiglia sono diventato un pubblico ministero.

Non è una vita molto differente da quella attuale.

Ogni giorno cerco di fare il mio dovere al massimo delle mie possibilità, con carichi di lavoro a volte impressionanti e troppo spesso sacrificando parte della mia vita sociale.

Anche in quell’universo, come in questo, ritengo che non si debba dialogare con chi ha pieno disprezzo della giustizia e del bene dei cittadini. Costoro mediaticamente rassicurano i cittadini ed i propri elettori ed invitano al dialogo.

Nel frattempo in Parlamento preparano leggi con l’unico e chiaro scopo di fermare i processi del proprio capo, anche a costo di massacrare ulteriormente l’amministrazione della Giustizia in Italia. Che versa già in uno stato penoso.

Molti di questi individui siedono fra i banchi del cosidetto “centro-destra” (le virgolette sono sempre d’obbligo).
Ma molti siedono anche fra i banchi del “centro-sinistra”, pronti a fare la sponda quando l’occasione lo richiede.

Per questa ragione bisogna fare di tutto per comunicare, informare i cittadini sulla vera situazione della Giustizia in Italia, sui veri problemi che la affliggono, su come sia possibile risolverli e su quali siano gli obiettivi di questa banda di devastatori che ci governa. Sperando che i cittadini traggano le dovute conseguenze.

E lo dobbiamo fare anche per coloro che, magari ingenuamente, magari per abitudine, magari per carenza di informazione, continuano a votare per questi individui.
Perché il bene comune, lo si deve sempre volere ed aspirare per tutti.

Per queste ragioni, in quell’altro universo, io oggi ho una copia della Costituzione in mano, e lascio l’aula quando inizia a parlare l’inviato del ministro Alfano.

Ultronea malignità

Ma gli avvocati penalisti, hanno scioperato contro il processo breve perché è una porcata, o perché loro guadagnerebbero di meno?

Accusativo plurale

“Il legittimo impedimento, il cosiddetto processo breve, il lodo Alfano, così come il ritorno all’immunità parlamentare non possono essere considerate come leggi ad personam.”

Fabrizio Cicchitto.

Ma guarda un po’ te! Forse è la prima volta che sono d’accordo con Cicchitto. In effetti, nonostante siano leggi fatte per il capo, nulla vieta ad altri di usufruirne.
E sia a destra che a sinistra c’è gente che non vede l’ora e sbava solo al pensiero.
Non siate timidi e partecipate al lauto banchetto dell’impunità. Dopotutto sono leggi ad personas.

P.S. Per chi non se ne fosse accorto, c’è anche un certo sarcasmo da quattro soldi nel titolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: